La Fiera

La Fiera Nazionale del Carciofo Mediterraneo e del Prodotto Ortofrutticolo ha lo scopo di creare una nuova opportunità di sviluppo del territorio e creare un focus permanente sulle prospettive del mondo agricolo del bacino ofantino, approfondendo il tema delle politiche e strategie delle O.P. e delle aggregazioni.
Lo svolgimento della manifestazione ubicata nella piazza principale della città, rappresenta la chiara volontà dell’amministrazione comunale, guidata dal sindaco PUTTILLI Salvatore, di riavvicinare l’evento alla cittadinanza attiva e al mondo agricolo, per favorire una maggiore partecipazione di ospiti.
La 59^ edizione della Fiera Nazione del Carciofo e del Prodotto Ortofrutticolo, in programma il 7, 8, 9, 10 novembre 2019, rappresenta un operazione di rilancio del territorio ofantino, di potenziamento, rivalutazione, valorizzazione, sensibilizzazione e discussione sui temi attuali dell’agricoltura.
L’amministrazione comunale, ha inteso ricondurre l’evento fieristico alle sue origini, riportandolo laddove è nato ponendosi, di fatto, un obiettivo ambizioso:

 effettuare un cambiamento di tendenza con nuove politiche di marketing, rivolte agli operatori del settore ortofrutticolo, creare un’opportunità di business e di promozione delle realtà produttive che operano nel settore dell’agricoltura con una particolare attenzione alle aziende che propongono prodotti innovativi e tecnologicamente avanzati.

Questa volta vi stupiremo. La 59^ edizione della Fiera nazionale del carciofo e del Prodotto Ortofrutticolo avrà una nuova veste, con allestimenti innovativi e la partecipazione di tante aziende del settore agricolo. Quattro giorni di esposizioni, laboratori eno-gastronomici, percorsi sensoriali, foodies moments, wine tasting experience, musica, mostre e convegni.
Un evento che si preannuncia ricco di novità
La Fiera avrà il suo momento celebrativo Domenica 10 Novembre in occasione del consueto appuntamento con il premio Nazionale Carciofo D’Oro giunto alla 50esima edizione che riconoscerà i meriti alle personalità distintesi nella cultura, nelle professioni, nell’impegno locale e nei lavori del settore agricolo.